• Accreditato da
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

L’inserimento della “Farmacia dei servizi” nel più generale processo di riorganizzazione della Sanità territoriale, ribadito dalla Conferenza permanente tra Stato e Regioni, sta determinando la radicale evoluzione del ruolo del Farmacista, che deve essere sempre di più un punto di riferimento fondamentale per il territorio.

Le farmacie pubbliche e private operanti in convenzione con il Sevizio Sanitario Nazionale diverranno Centri socio-polifunzionali in grado di offrire sempre maggiori servizi all’utenza, tasselli indispensabili nella presa in carico dei pazienti, in grado di ricoprire un ruolo centrale nella gestione del paziente cronico e nel monitoraggio delle terapie.

Il farmacista ha infatti l'opportunità di cogliere segnali precoci di malattia cronica, per esempio in ambito cardiovascolare, respiratorio e neurologico, anche in funzione di prevenire l'insorgenza di eventi acuti o riacutizzazioni, concorrendo così a ridurre l'impatto di queste patologie; inoltre ha anche l'opportunità di fare counseling sugli stili di vita e sull’importanza dell'aderenza al trattamento. Per questo è fondamentale che siano forniti anche al farmacista tutti gli strumenti per una risposta efficace ed efficiente alle necessità del cittadino, strumenti che favoriscano anche il miglioramento della collaborazione interprofessionale.

Di fronte a una popolazione sempre più anziana e affetta da patologie croniche, politrattata e spesso non aderente alle terapie, la farmacia deve passare alla “presa in carico” del paziente e il farmacista si pone come partner ideale del medico specialista e del medico di medicina generale per la gestione del paziente cronico, nel rispetto delle rispettive competenze e professionalità.
Lo screening e il monitoraggio delle patologie croniche già all’interno della farmacia permettono di migliorare lo stato di salute del paziente e di far risparmiare risorse importanti a un sistema che deve tendere sempre di più alla sostenibilità.

 

Programma

Lo screening e il monitoraggio delle cronicità respiratorie S. Centanni

 

Lo screening e il monitoraggio delle cronicità cardiovascolari C. Ferri 

 

Lo screening e il monitoraggio delle cronicità neurologiche A. Tessitore 

Informazioni

Obiettivo formativo

3 - Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura

Mezzi tecnologici necessari

Per poter seguire il corso FAD l'utente dovrà disporre di un Personal Computer e di una connessione a Internet. Non sono richiesti Software specifici, e la fruizione del corso è garantita utilizzando un qualsiasi browser di navigazione Internet.

Procedure di valutazione

La valutazione dell’apprendimento avviene con questionario a risposta multipla. È infine previsto un questionario di gradimento per i partecipanti.

Responsabili

Responsabile scientifico

  • Prof. Stefano Centanni
    Professore di Malattie dell’Apparato Respiratorio, Università di Milano. Direttore U.O.C. Pneumologia ASST Santi Paolo e Carlo, Mi
  • Prof. Claudio Ferri
    Ordinario di Medicina Interna. Direttore del Dipartimento di Medicina Interna e Nefrologia dell'Università dell’Aquila
  • Prof. Alessandro Tessitore
    Responsabile Centro Parkinson e Disordini del Movimento, AO Università degli Studi della Campania “L. Vanvitelli”, Napoli

Tutor

  • Dott. Tutor Didattico
    Tutor corsi FAD Med Stage

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Farmacista

  • Farmacia Ospedaliera
  • Farmacia territoriale
leggi tutto leggi meno

Allegati